Come usare il plugin custom canonical correttamente

Tag Canonical di Joomla, perché e come inserirlo

Ti sei affidato ad un servizio di hosting Joomla veloce ed ora vorresti saperne di più in merito all’ottimizzazione del tuo sito?

Sappi che esistono dei sistemi per rendere il tuo sito più efficiente, per evitare le penalizzazioni e per limitare i contenuti duplicati, come nel caso in cui tu decida di utilizzare il tag Canonical di Joomla.

Vediamo di che cosa si tratta e come poterlo utilizzare.

Che cos’è il tag Canonical di Joomla?

Come prima cosa sarà necessario capire che cosa sia il tag Canonical di Joomla, in modo da poterlo usare nei casi più indicati.

All’interno di un sito possono esserci pagine accessibili attraverso l’uso di URL differenti, o potrai anche trovare delle pagine che abbiano dei contenuti molto simili.

Google si occuperà di scegliere, per questi contenuti, una sola pagina con un solo URL. Questa pagina verrà definita la versione canonica del contenuto stesso.

La pagina canonica verrà sottoposta a maggiori scansioni e verrà, probabilmente, indicizzata meglio, mentre gli altri contenuti duplicati verranno tralasciati e scansionati solo in alcune occasioni.

Per questo motivo sarà necessario indicare quello che potremo chiamare URL canonico, per evitare che sia Google a scegliere il tuo contenuto, spesso a caso, oppure che si occupi di considerare i contenuti come equivalenti, e quindi, spesso, non particolarmente importanti.

Per specificare quali siano le pagine canoniche si utilizzerà il tag rel “canonical” che potrai inserire all’interno della pagina che avrai deciso di scegliere come più importante e rappresentativa rispetto alle altre.

Perché Joomla ha bisogno del Tag Canonical?

Come ti abbiamo detto, l’inserimento del tag Canonical all’interno del tuo sito realizzato in Joomla sarà determinato da diverse ragioni.

In particolare, Joomla è uno dei tanti CMS presenti e utilizzati per la creazione di siti e di blog, e come molti altri sistemi simili spesso potrà generare dei contenuti duplicati.

La duplicazione dei contenuti, che non andrà certo a tuo vantaggio dal punto di vista dell’indicizzazione del tuo sito e delle sue risorse, viene determinata soprattutto dalla generazione dinamica degli URL delle diverse pagine.

Ognuno di questi indirizzi, diversamente da quanto potresti pensare, funzionerà e potrà portare gli utenti a visitare una pagina.

Tuttavia, proprio come ti abbiamo spiegato, Google non “amerà” in modo particolare il fatto di accedere a pagine praticamente uguali, e inizierà o a trattarle tutte nello stesso modo, o a penalizzarne alcune.

Come inserire il tag Canonical in Joomla

Dopo aver compreso le motivazioni per le quali dovresti scegliere il tag Canonical, qui potrai vedere le diverse modalità grazie alle quali questo può essere inserito.

La prima modalità: i Custom Fields

In particolare, le modalità che ti proponiamo si basano sui così detti Custom Fields, e potrai seguire passo per passo i procedimenti.

  1. Creare un Field Group

La prima modalità grazie alla quale inserire il tag Canonical sarà quella costituita dalla creazione di un Field Group.

Per iniziare dovrai entrare nell’area dedicata all’amministrazione del tuo sito e dovrai andare nei Field Groups.

Potrai seguire il percorso qui indicato: Menu Amministrazione – Contenuti – Field Groups.

A questo punto potrai creare un nuovo gruppo e potrai inserire delle informazioni essenziali, come quelle che ti proponiamo di seguito:

  • Titolo: SEO
  • Descrizione: Campi SEO personalizzati

Salva il tuo nuovo gruppo e procedi con le istruzioni successive.

  1. Crea un nuovo campo

In questo caso potrai creare un nuovo campo, detto Field, e per farlo dovrai andare sempre nell’area dedicata ai diversi campi che troverai nel tuo menu di amministrazione.

Successivamente dovrai creare un nuovo campo, e potrai inserire le informazioni indicate di seguito:

  • Titolo: URL Canonico
  • Tipo: URL
  • Nome: Lasciare in bianco
  • Etichetta: lasciare in bianco
  • Descrizione: inserisce il canonical tag
  • Richiesto: no
  • Valore di default: lasciare in bianco
  • Schemi: http, HTTPS
  • Relativo: no
  • Stato: Pubblicato
  • Field Group: SEO
  • Categoria: Tutto
  • Accesso: Pubblico
  • Linguaggio: tutti
  • Placeholder: inserisci l’URL della pagina
  • Render Class: lasciare in bianco
  • Edit class: lasciare in bianco
  • Etichetta: Show
  • Show On: entrambi
  • Automatic Display: scegli l’opzione negativa

Dopo aver inserito tutte le informazioni che ti abbiamo indicato potrai salvare il tuo nuovo campo.

Dovrai anche annotarti il numero di ID del nuovo campo, perché ti servirà più tardi.

Potrai trovarlo nella parte della colonna di destra nel momento in cui visualizzerai la lista dei tuoi campi.

  1. Creare un view override

Infine, potrai passare al terzo step, creando un view override. Questa modalità richiederà una certa destrezza nella scrittura del codice.

Come prima cosa dovrai identificare il componente per il quale avrai creato il tuo nuovo campo.

Ad esempio, se hai creato il campo per il Content (Contenuto) dovrai occuparti di creare una versione alternativa del tuo contenuto.

Successivamente, copia la versione originale del tuo contenuto nel tuo template.

Potrai copiare il file default.php che troverai all’interno di /components/com_content/views/article/tmpl/default.php.

Copia questo file all’interno di /templates/YOUR_TEMPLATE/html/com_content/article/.

Nel momento in cui avrai creato /templates/YOUR_TEMPLATE/html/com_content/article/default.php questo verrà utilizzato al posto di quello seguente: /components/com_content/views/article/tmpl/default.php.

Infine, dovrai inserire alcune linee di codice all’interno del tuo nuovo file default.php file

La seconda modalità: styleware plug-in

Il secondo metodo consiste nell’utilizzo dello styleware plug-in.

Questo consente di creare in modo automatico gli URL Canonical.

Per poter utilizzare lo styleware plug-in dovrai:

  1. Registrarti al sito Style Ware
  2. Andare nella pagina Content Canonical Plug-in
  3. Aggiungere il plug-in al carrello
  4. Confermare il tuo ordine

Otterrai un link per poter scaricare il plug-in e per poterlo installare.

Terza modalità: il Custom Canonical Plug-in

Infine, la terza modalità consiste nell’utilizzare il Custom Canonical Plug-in.

Per poterlo usare dovrai:

  1. Scaricare il plug-in
  2. installarlo, e configurarlo
  3. Utilizzare questo strumento per creare il tuoi tag canonical

Testare i custom canonical

Infine, prova a testare l’efficacia del tuo custom canonical tag.

Per farlo dovrai costituire il test seguendo le istruzioni qui indicate:

  • Attiva il SEF-URLs nella configurazione del tuo sito
  • Dovrai rinominare il file htaccess.txt come .htaccess.
  • Scegli un articolo e utilizzalo per fare il test

Ad esempio, se il tuo sito fosse www.esempio.it dovrai inserire nel tuo Menu:

  • Titolo: blog
  • Component / View: Content / Categoria del Blog
  • Categoria: Blog
  • Alias: Blog
  • ID: inserisci l’ID del contenuto o del campo

Nel tuo articolo:

  • Titolo: Blog Post
  • Alias: blog-post
  • Categoria: Blog
  • ID: inserisci l’ID

A questo punto si potrà fare il test in merito al tuo menu e alle pagine.

Il test potrà essere, ad esempio, condotto per le pagine seguenti:

  • www.esempio.it/blog
  • www.esempio.it/index.php/blog
  • www.esempio.it/index.php?itemid (con id inserito da te)

All’interno della versione Html delle pagine che hai testato, se tutto sarà andato come doveva, troverai il link con rel=”canonical” nella parte iniziale.