Creazione siti web: 5 consigli efficaci per avere successo

Sono nel mondo del lavoro da 18 anni, praticamente la metà della mia vita, e se mi guardo indietro mi rendo conto che le cose davvero importanti che ho imparato possono contarsi sulle dita di una mano. Alcune riguardano la creazione di siti web mentre altre sono più generali e riguardano il rapporto con i clienti. Se vi capita di avere problemi nella gestione dei progetti, di non essere pagati e di sentirvi bistrattati è probabile che vi siate dedicati più alle prime che alle seconde.

Come si crea un rapporto di lavoro paritario?

Ecco 5 consigli per lavorare sempre con serenità e con il sorriso!

 

 


 

Nel corso della mia attività (sia in proprio che da dipendente) mi sono reso conto che la cosa più importante non era tanto il risultato finale ma il rapporto che si riusciva a instaurare con le persone e se è vero che la tematica non riguarda espressamente Joomla sono certo  che molti di voi troveranno utile questo articolo :)

 

IO sono ok, TU sei ok

Creare un rapporto di lavoro paritario (o come dice Dale Carnegie “io ok, tu ok”) può migliorare davvero le vostre giornate ed evitare un dispendio di energie che può essere anche più importante del valore del singolo progetto. Lavorare sereni e con stimoli positivi mette energia e ci consente di lavorare bene e in modo efficace.

Mi piace moltissimo il mio lavoro e sono sul computer circa 12-13 ore al giorno. La metà del tempo per sviluppare siti web e una buona parte del restante per studiare e rimanere aggiornato garantendo ai miei clienti preparazione e qualità. Nervosismi, discussioni e problemi nei rapporti distruggono letteralmente le mie energie e le rare volte che capitano rallentano moltissimo il mio lavoro compromettendo, oltre alla mia produttività, anche il mio umore.

 

 

Un rapporto non equilibrato è dannoso per entrambe le parti:

Se siete clienti e vessate troppo il vostro webmaster durante la creazione del sito web potreste ottenere uno scarso impegno e dal momento che NON POTETE SAPERE quali sono gli ingredienti di un sito web efficace potreste prendere la peggiore delle fregature: Essere contenti e convinti di avere un bel sito mentre vi trovate in mano solo una inutile presentazione incapace di generare contatti.

Se siete webmaster potreste consegnare siti che non sono il massimo di quello che avreste potuto offrire con tre risultati molto negativi:

  • Abbassare la qualità del vostro portfolio (che più passa il tempo più sarà importante per voi)
  • Non ottenere referenze e segnalazioni (uno degli strumenti commerciali più efficaci)
  • lavorare in un clima costantemente teso sprecando molte più energie di quelle realmente necessarie.

Come costruire un rapporto paritario con i propri clienti

Le basi per un rapporto paritario possono essere costituite da diversi fattori non sempre così scontati. Quando lavoravo nella vendita era molto importante l'abbigliamento. Tutti sappiamo che un abbigliamento adeguato può aiutare a creare fiducia intorno alla propria figura professionale... ma in realtà non sappiamo esattamente QUANTO.

Ecco un piccolo esempio tratto da un esperimento di psicologia sociale:


Un gruppo di persone è fermo a piedi davanti ad un semaforo rosso. Mentre sono tutti immobili arriva all'improvviso una persona che, dopo aver guardato a sinistra e a destra, passa con il rosso.

Alcune delle persone fino ad allora ferme decideranno spontaneamente di seguirlo.

La cosa interessante è il numero delle persone che decideranno di muoversi è strettamente dipendente dall'abbigliamento di chi ha deciso di infrangere le regole. Saranno in numero maggiore se ad attraversare l'incrocio è una persona con camice bianco o un bel completo e in numero molto inferiore se a farlo è un uomo vestito in modo normale o addirittura un barbone.

E' per questo motivo che nelle pubblicità dei dentifrici o di determinati prodotti di bellezza a parlarci sono sempre persone con il camice... sappiamo che sono attori ma siamo portati a credergli di più.

E' lo stesso motivo per cui in alcuni collegi si utilizzano le divise... l'obiettivo è quello di creare un rapporto paritario in cui tutti gli studenti sono uguali.



Per chi si occupa della creazione di siti web le cose sono un pochino differenti.

Ho sempre creato buoni rapporti con i clienti e ad un certo punto ho iniziato a pensare che forse non era solo fortuna. Analizzando di volta in volta cosa funzionava e cosa no ho corretto il mio comportamento e soprattuto il modo di gestire i progetti e le relazioni.

 



Ecco 5 consigli veramente utili per creare un rapporto in cui entrambe le parti si rispettano e collaborano nel modo migliore per la riuscita del progetto:

 

Per chi si occupa dello sviluppo di siti web,
ecco alcune linee guida molto importanti da seguire:

  1. Rispettate il fatto che il cliente non è tenuto a conoscere la materia e quindi può chiedere la motivazione di una particolare scelta. Mi fanno un sacco ridere i post di Io Amo il Web ma bisogna anche capire che quello che per molti è pane quotidiano per altri non solo non è indispensabile ma spesso neanche esiste.

  2. Assecondate il cliente ANCHE nelle modifiche che non condividete, magari mettendo online la modifica (in modo che il cliente percepisca la collaborazione) per poi spiegare perché la soluzione che aveva presentato inizialmente era più vantaggiosa.

  3. Cercate di essere precisi e disponibili (che non significa fare una modifica immediatamente ma calcolare bene i tempi e rispettarli). Prendetevi il vostro tempo per il progetto, dategli valore e rispettate le consegne. Per l'assistenza mi sono auto imposto una regola utile per me e per i clienti. Gli interventi di assistenza ordinaria che non vengono svolto in 72 ore sono svolti gratis.



    Fortunatamente non siamo sempre con le braccia incrociate in attesa di un cliente e a volte è meglio dire al cliente che inizieremo il progetto tra 10 giorni piuttosto che dare subito l’impressione di essere in overflow e di non avere il tempo di seguire il progetto. Non c'e' nulla di male ad essere presi se si parla chiaramente e si organizza bene il flusso di lavoro.


Seguendo queste regole, se il cliente vi ha scelto guardando i progetti che avete svolto o leggendo le referenze dei vostri clienti soddisfatti dovrebbe confermarvi la fiducia necessaria per poter instaurare un rapporto di lavoro paritario. Ma non è sempre così.

I due consigli che seguono sono molto importanti e vi permetteranno sia di tutelarvi nel lavoro che di instaurare un rapporto paritario nella maggior parte dei progetti.

  1. Chiedete un acconto del 50%. Trattate l'acconto AL MASSIMO fino al 40% e piuttosto dividete su più rate il saldo. 

Chiedere un acconto è fondamentale e, contrariamente a quanto potete pensare non è una questione più psicologica che economica.

 Senza acconto non c’e’ appiglio, non c’e’ trattativa, non c’e’ rapporto: sarete come uno stagista assunto tramite agenzia interinale a tempo determinato che ha bisogno di lavorare.

    Non potrete mai dire di no od esigere - nel caso in cui non sia dato per scontato - il rispetto per il vostro lavoro.

 Oggi non esiste un modo efficace, veloce o economico per recuperare crediti così se al 90% di un progetto un cliente decide che non ha più bisogno del sito voi avete perso un mese di lavoro.

  2. Mettete una clausola nel vostro progetto in cui è specificato che tutto il risultato del vostro lavoro è di vostra proprietà fino al saldo dell’ultima fattura relativa al progetto.

 Comprendo che certi rapporti possano andare male e mi sembra giusto che tutte le parti siano a conoscenza che interrompere un rapporto è un danno enorme per il progetto che non deve essere ripagato dal professionista che lo riprenderà in mano. 



    Per quanto mi riguarda il lavoro iniziato da qualcun altro è più un problema che un punto a favore e non corrisponde quasi mai ad uno sconto. Lo sconto concedo volentieri al cliente è per la sua collaborazione nel fornirmi i contenuti del sito in tempo.



    Mi capita spesso di continuare lavori lasciati a metà da webmaster con cui il cliente ha interrotto il rapporto e non posso sapere se il problema era il fornitore, il cliente o il rapporto che si era creato tra loro.

 Fate in modo che il vostro lavoro sia vostro finché non diventa del cliente.

    Il cliente potrà sempre scegliere di cambiare fornitore se non siete adeguati al progetto ma, almeno, saprete che avete commesso davvero gravi errori dal momento che è disposto a perdere tutto il tempo e l’attenzione che vi ha dedicato finora.

 Se perderete un progetto avrete almeno occasione per migliorarvi perché è raro che un cliente sia disposto a perdere il lavoro e l’acconto versato per un capriccio personale.

 

 

Per i clienti... Aiutate altri clienti
a scegliere la web agency migliore!


Abituatevi a pubblicare SEMPRE i feedback. La maggior parte delle web-agency sono su Google Maps, quindi hanno una scheda Google Local. Se abbandonate un progetto per mancanze del webmaster potete scrivere il vostro feedback sulla sua pagina.

Aiuterete altri clienti a non incorrere nei vostri stessi problemi.

Se siete interessati ad altri consigli su come gestire i progetti vi consiglio l'articolo : preventivo sito web, cosa devi sapere?

 


Per qualsiasi domanda o approfondimento vi aspetto sul forum di Joomla.it o ancora meglio su Google Plus!

 


Articolo scritto da Luca Orlandini - Costruzione siti web in Joomla - FuturaImmagine

 


commentaCommenta questo articolo sul forum