Supporto volontario e collaborativo per Joomla!® in italiano

Una guida alla Creazione di Contenuti su Joomla k2 specifica per i bloggers

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 
Una guida alla Creazione di Contenuti su Joomla k2, specifica per i bloggers
informazioni utili

Un'introduzione veloce ai CMS e Joomla

La maggior parte dei siti web usano oggigiorno un Content Management System (CMS) come Joomla. Il principale vantaggio di un CMS consiste nel fatto che dà ai proprietari di siti web la libertà di bloggare e creare i propri contenuti senza l’aiuto (e gli oneri) di un’agenzia di web design.

I CMS consegnano nelle mani dei proprietari di siti alcune facoltà che non avevano in passato, permettendo loro di produrre e gestire i contenuti del sito web. Questo lavoro di creazione e gestione dei contenuti deve essere, però, affiancato dall’utilizzo di alcune semplici regole (legate soprattutto al SEO), di cui andremo proprio a parlare in questo blog.

Cos’è il K2?

Il K2 è semplicemente una piattaforma per la gestione dei blog di Joomla. Molti dei nostri clienti usano il k2 per bloggare, ma purtroppo non esiste una guida scritta dedicata specificatamente ai bloggers e ai proprietari di siti web. Per questo motivo ho deciso di scriverne una, che non solo fornisca delle linee guida d'utilizzo ma che dia soprattutto consigli utili sulle migliori pratiche e su come ottenere il meglio a livello di SEO.

Una guida alla Creazione di Contenuti su Joomla k2, specifica per i bloggers

Una volta ben avviati alla gestione del vostro sito web in Joomla e soprattutto quando vi sentite pronti a bloggare (o a creare contenuti), seguite queste semplici regole per ottenere il meglio dal vostro sito web, per incrementare le visite provenienti dai motori di ricerca ed evitare di fare i soliti sbagli del k2.

Come iniziare con il K2

  • Accedete al vostro Pannello Admin su Joomla. Di solito si effettua l’accesso inserendo l’url www.miosito.com/administrator/ sul vostro web browser (assicuratevi di sostituire il vostro vero dominio al posto del miosito.com)
  • Dal menu selezionate "Componenti" / "K2" / "Items"" "Items" è il termine di K2, che indica un blog, un articolo o una pagina web. N.B. Lasciate inalterate tutte le altre opzioni del menu K2 a meno che non abbiate conoscenze di web development o che la vostra agenzia web ve lo abbia suggerito.
  • Vedrete una pagina con l’elenco di tutti i blog sul vostro sito web. Da questa schermata potrete aggiungere nuovi items, modificare items esistenti, pubblicare o non pubblicare items e anche cancellare degli items a seconda delle vostre necessità.
  • Per realizzare lo scopo di questo tutorial, creeremo insieme un nuovo item (blog). Cliccate quindi su "nuovo".
  • Ora potete scrivere il vostro item K2 e fare delle modifiche seguendo le istruzioni dettagliate qui sotto. Una volta terminato il lavoro, assicuratevi di cliccare su "Salva e chiudi". Altrimenti l’item rimane bloccato e altri amministratori del sito web saranno impossibilitati ad accedervi.

I campi obbligatori in un blog K2

Il panello K2 con campi obbligatori e utili per il SEO

1. Title

Aggiungete un titolo che descriva esattamente di cosa tratti il blog. Se volete ottimizzare il vostro nuovo blog per le ricerche, ricordatevi poi di includere una parola o frase chiave nel titolo stesso.

2. Title Alias (URL)

Quando salvate per la prima volta il vostro item, il Title Alias (URL) si autocompleterà in base al Titolo creato. In teoria quindi non avete sempre necessità di cambiare questo campo. Qui di seguito troverete alcune semplici ma importantissime regole da seguire nella creazione di un Title Alias (URL):

  • Title Alias (URL) costituirà il link alla vostra nuova pagina blog. Una volta che il vostro blog va "live" in rete, il Title Alias (URL) non dovrà mai più essere modificato, altrimenti perderete le condivisioni sui social già ottenute, i backlinks da altri siti web verso il vostro articolo, oltre alla portanza che la pagina ha ormai accumulato sui motori di ricerca come Google.
  • L’URL della pagina (o anche link) dovrebbe essere descrittivo, pertinente all’articolo K2 e leggibile (senza cioè caratteri o simboli strani). Se avete dei dubbi, allora assicuratevi che l’URL sia identico all’item Titolo.

Scoprite maggiori informazioni su Come perfezionare le tue pagine nei risultati di ricerca

3. Category

Durante la creazione del vostro sito web, il vostro webmaster dovrà impostare una selezione di Categorie K2. La Categoria è di per sé un campo molto importante che detta in quale sezione del vostro sito web comparirà il vostro blog item. Cambiare il campo della Categoria comporterà uno spostamento dell’item in una sezione diversa del sito web. Una volta che il vostro sito è attivo e in rete non conviene cambiare categorie, poiché potrebbe causare dei malumori ai link alla vostra pagina. Se il vostro item è stato pubblicato da più di qualche giorno, chiedete alla vostra agenzia web se è il caso di cambiare il campo Category.

4. Published

Pubblished è un campo sì/no che pubblicherà oppure no il vostro blog item K2. Se volete rimuovere un item dal vostro sito web, dovete semplicemente impostare questo campo sul No. Potete ritornare allo stato "pubblicato" quando meglio volete.

5. Content

Il Content tab è la sezione dove inserirete il testo della nuova pagina.

Siamo ora nell’era del Web 3.0 e del Web Semantico. Se volete realisticamente che il vostro blog si classifichi bene su Google, allora vi consigliamo di usare un minimo di 1000 parole, idealmente 2000 parole di alta qualità e informatività. In parole semplici: se sul web ci sono pagine di altissima qualità che coprono lo stesso argomento, allora farete fatica a classificarvi al top e ad ottenere visite da Google (lo scopo principale della pubblicazione di un blog).

Un avviso particolare sull’utilizzo del Text Editor:

  • Usate i tasti del Text Editor il meno possibile
  • Usare grassetto, sottolineato, corsivo e titoli nell’articolo, richiede tempo e il vostro sito potrebbe perdere di uniformità.
  • Qualsiasi buon web designer avrà sicuramente costruito il vostro sito web utilizzando un file override di grafica generale chiamato .css o .less. Da questi file sarà in grado di controllare il look di tutto il vostro sito web in pochi secondi, piuttosto che andare a modificare pagina per pagina per ottenere un cambio di grafica.
  • Il controllo dell’impostazione grafica da un file override centrale vi garantirà un look professionale su tutto il sito.
  • Anche se non lo vedete, i text editors spesso aggiungono tanti codici non necessari alle pagine, che finiscono per sovraccaricare la pagina, aumentare i tempi di caricamento e rendere più difficile la classificazione da parte di Google.

6. L’Image tab

Sebbene non tecnicamente obbligatorio, il fatto di aggiungere una foto per ogni blog è cosa saggia. La verità è che anche se non dovremmo giudicare un libro dalla sua copertina, lo facciamo comunque! La scelta di un’immagine interessante che rifletta il contenuto del vostro blog farà meraviglie per il vostro articolo specialmente sui social networks.

7. Meta Descrizioni

Aprite la tabella delle Metadata information e cliccate sul campo Description. La Description è ciò che verrà visualizzato sulle classifiche nelle ricerche Google.

La Description deve essere un elaborato del Title della pagina e dare un’idea più precisa agli utenti di quello che troveranno sulla pagina se ci cliccano sopra. Un risultato tipico di una ricerca elenca di solito 10 siti web. Una descrizione ben scritta farà sì che il vostro sito web si faccia notare tra gli altri, facendo così incrementare la percentuale dei vostri clic (click-through-rate). Cercate di descrivere esattamente di che cosa tratti la pagina in termini superlativi e perfino con una parola in MAIUSCOLO per aggiudicarsi il vantaggio sulla concorrenza.

Google di solito mostra tra le 150 e le 160 battute (spazi inclusi) di una Description di pagina (aka meta description tag). Se la vostra descrizione è più lunga di questi parametri verrà troncata.

8. Il pulsante dell’immagine

Usate il pulsante Immagine (esattamente sotto il Text Editor) per aggiungere immagini al vostro blog K2. Prima di tutto, occorre cliccare all’interno del testo dell’item esattamente dove volete che la vostra immagine vada poi ad apparire, premete sul pulsante "Immagine" e si aprirà un’ulteriore finestra.

  • Potrete selezionare l’immagine direttamente dal vostro server oppure caricarla dal vostro computer.
  • Allineate l’immagine a destra o a sinistra.
  • Nel campo Descrizione immagine aggiungete una breve frase che descriva il contenuto dell’immagine. Poiché Google non riesce a leggere le immagini, questa descrizione servirà a perfezionare la sua comprensione della vostra pagina: cosa che può migliorare drasticamente il vostro posizionamento sui motori di ricerca.

Come modificare un item K2 in Joomla

Modificare un item K2 è simile a crearne uno nuovo come spiegato qui sopra.

  • Fate il log on al vostro Pannello Admin di Joomla.
  • Dal menu di navigazione principale selezionate "components" / "K2" / "items" (oppure "components" / "K2" / "Articoli")
  • Invece di cliccare il pulsante "nuovo", andate sull’item che volete
  • Fate le modifiche che volete seguendo le indicazioni fornite qui sopra.
  • Una volta che il vostro blog (item) è attivo in rete, non cambiate mai il titolo alias o la categoria, a meno che non ve lo chieda espressamente la vostra agenzia web.

Title

  • Il campo del Title dovrebbe spiegare chiaramente di cosa tratti il vostro item k2.
  • Un Title e una Meta descrizione ben scritti e accattivanti sono dei fattori determinanti per incrementare le visite al vostro sito.Titoli e Descrizione scritti a regola d’arte miglioreranno le percentuali di clic al vostro sito provenienti dai motori di ricerca.
  • Una volta che il vostro blog (item) è attivo in rete, non cambiate mai il Title Alias o la Categoria.
  • Se avete dei dubbi, il Title Alias (url) dovrebbe essere uguale al Title stesso.
  • Usate il text editor il minimo necessario, lasciando tutti gli aspetti grafici al vostro web designer.

Riflessioni finali

Spero che questa Guida al K2 per bloggers vi sia stata utile e che possa servire a voi e ai vostri clienti anche in futuro. Se l’avete trovata utile vi prego di condividerla con altri proprietari di siti web in Joomla, tramite gli appositi pulsanti di condivisione qui sotto forniti. Mi piacerebbe anche sapere cosa ne pensiate e, in caso abbiate domande o feedback, vi prego di postarli qui sotto.


CommentaCommenta questo articolo sul forum

Ho scritto e condiviso questo articolo su Joomla.it, fallo anche tu. Invia ora un nuovo articolo!
Mike Fitzpatrick
Alcune informazioni su di me:
Fondatore di Jeyjoo. Web designer ed esperto SEO, specializzato nella realizzazione di siti web multilingue.


Ho anche scritto:
         ✔ diventa autore su Joomla.it

Ultima versione di Joomla!®

downloadVer. 3.6.5 Stabile Italiana
Data di rilascio:14 Dicembre 2016
(leggi la notizia Demo online

Le migliori estensioni gratuite

Un elenco aggiornato con i link a più di 100 estensioni fra componenti, moduli e plugin gratuiti per Joomla! 3

Manuale in italiano

Manuale in italianoPer conoscere meglio Joomla!, le sue caratteristiche ed il metodo di utilizzo leggi il manuale tradotto in italiano.

Molto utili anche le risposte alle domande più frequenti: FAQ

Sicurezza del proprio sito Joomla!Leggi anche: Nozioni sulla sicurezza del proprio sito

Autori di articoli recenti

Invia un articolo!Scrivi un articolo su Joomla.it e ricevi i ricavi dalle pubblicità di Google Adsense!
Segui queste istruzioni, condividi e collabora con la community. L'elenco degli autori attivi sul sito.

Libri consigliati

Torna su

Joomla.it sui Social Network

JoomlaDay Italia

JoomlaDay

Newsletter

Inserisci qui la tua e.mail: