Supporto volontario e collaborativo per Joomla!® in italiano

Ott | 2009 20

JoomlaDay 2009 - Roma

Visite: 6418
JoomlaDay 2009
Sabato 21 novembre la community italiana di Joomla organizza il secondo JoomlaDay italiano.
L'evento, patrocinato dal Ministro della Gioventù On.le Giorgia Meloni, sarà ospitato presso il Centro Congressi Santa Lucia Via Ardeatina, 354 - 00179 - Roma. Ingresso gratuito per i 500 Iscritti.  Le iscrizioni sono chiuse.
Ago | 2009 31

Il 3% del web è realizzato con Joomla!

Visite: 6657
grafico
Abbiamo realizzato una ricerca e stabilito che il 3% dei siti Internet è realizzato con il CMS Joomla!
Il risultato di questa ricerca è visibile sul nuovo sito Joomla.me e in questa notizia.
Lug | 2009 14

Multilingual registration approval

Visite: 13499

Utile plugin che permette all'amministratore del sito di approvare le registrazioni degli utenti al sito.

Plugin Lingua italiana disponibile -   Grado di difficoltà: Per utenti mediamente esperti
Extensions.joomla.orgConsigliato da AlexRed in questo post
Lug | 2009 03

RokTabs

Visite: 23365
RokTabsUn modulo che permette la visualizzazione delle news o di articoli in un modo accattivante, utile per chi vuole presentare i propri contenuti in un modo alternativo.

    Modulo    Lingua italiana non disponibile   -   Grado di difficoltà: Per tutti gli utenti
Sito ufficiale  -  Extensions.joomla.org  -  Consigliato da ilvanni in questo post
Mag | 2009 20

...siamo tutti sulla stessa mappa!

Visite: 6763
Mappati anche tu ora!
Realizziamo assieme una mappa degli utenti di Joomla.it
Modifica il tuo profilo sul forum ed inserisci la tua posizione nella mappa!

Trovi maggiori informazioni e la mappa con gli attuali utenti qui aiutaci a riempire l'Italia di punti Joomla!
Apr | 2009 22

Ultimi template

Visite: 6426
Apr | 2009 10

JoomlaDay 2009

Visite: 5872
JoomlaDayStiamo valutando l'organizzazione di un nuovo evento per gli appassionati di Joomla!
Dopo l'edizione 2008 a Roma è tempo di un nuovo incontro per la community italiana. Sul sito www.joomladay.it è stato pubblicato un appello a tutti coloro che vogliono proporre la propria struttura organizzativa o il loro supporto per questo Evento.
Apr | 2009 07

XTypo

Visite: 16092
xtypo
Utile plugin che permette di inserire differenti stili css all'interno dei contenuti di Joomla. Per dare risalto a parti di testo o link.

  Plugin   Lingua italiana non disponibile   -   Grado di difficoltà: Per utenti mediamente esperti
Sito ufficiale  -  Extensions.joomla.org  -  Consigliato da antogrec in questo post
Apr | 2009 07

RokDownloads

Visite: 24987
RockdownloadsRokDownloads è un componente per la gestione di un archivio di file, per permettere il download e la catalogazione di questi file. Il funzionamento è semplice ed intuitivo.

Componente Modulo Plugin Lingua italiana non disponibile -   Grado di difficoltà: Per tutti gli utenti
Sito ufficialeExtensions.joomla.org - Articolo su Joomla.itConsigliato da AlexRed in questo post
Apr | 2009 03

Sito del campionato mondiale Superbike

Visite: 1376
www.worldsbk.com
Mar | 2009 30

JComments

Visite: 25711
 JComments
Utile estensione per attivare i commenti agli articoli di Joomla. Realizzare un blog con questa estensione è possibile anche con Joomla.

Componente  Modulo  Plugin   Lingua italiana disponibile   -   Grado di difficoltà: Per tutti gli utenti
Sito ufficiale  -  Consigliato da AlexRed in questo post
Mar | 2009 27

Estensioni D.O.C.

Visite: 5948

D.O.C
Una selezione di Estensioni native, gratuite, open source e consigliate dallo staff di Joomla.it per Joomla! 1.5.
Fra le migliaia di estensioni disponibili vengono selezionate accuratamente quelle ritenute degne di questo sigillo D.O.C Occhiolino
Mar | 2009 26

News show GK3

Visite: 17085
News show GK3
Permette di pubblicare l'anteprima degli articoli di una determinata sezione o categoria e di personalizzarne l'ordinamento.

Modulo  Plugin   Lingua italiana non ancora disponibile   -   Grado di difficoltà: Per tutti gli utenti
E' necessario registrarsi sul sito dello sviluppatore per scaricare l'estensione, la registrazione è gratuita.Sito ufficiale  -  Extensions.joomla.org  -  Consigliato da ste in questo post
Mar | 2009 26

Eventlist

Visite: 19455
Eventlist
Eventlist è un componente per la creazione e gestione di Eventi in Joomla.

Componente  Modulo  Plugin   Lingua italiana disponibile   -   Grado di difficoltà: Per tutti gli utenti
Sito ufficiale  -  Extensions.joomla.org  -  Articolo su Joomla.it  -  Consigliato da autodafe in questo post
Mar | 2009 10

PHP 5 CMS Framework Development - Recensione

Visite: 799

Titolo: PHP 5 CMS Framework Development
Autore: Martin Brampton
Editore: Packt Publishing

ISBN: 1847193579
Pagine: 328 + VIII
Prezzo: 50 dollari
Allegati: nessuno

 

Dopo aver chiuso l'avventura da team leader di Mambo, nel suo periodo più difficile (quello del fork di Joomla!), dopo aver sviluppato un certo numero di componenti per Joomla!, il grande Martin Brampton ci riprova, stavolta con un CMS di nuova generazione, Aliro, al quale è dedicato questo testo, per il quale è stata anche creata una implementazione di test. Il lavoro per Joomla! non è stato certo abbandonato, anzi Brampton ha pensato bene di creare una API comune per poter sviluppare estensioni cross-piattaforma per Mambo 4.6 e superiori, Joomla! 1.0.x, Joomla! 1.5, MiaCMS ed Aliro (alla data, potete vederla all'opera nei componenti Remository e Glossary). Come nota di colore, se mai avrete occasione di scambiarci qualche e-mail, vi accorgerete subito che Brampton aborre quale opera del demonio o giù di lì il codice in grado di funzionare solo con Joomla!?.

Ma torniamo al testo; uno di quelli che, per abusare d'una frase, non può mancare nella biblioteca. I problemi architetturali, e le motivazioni alla base delle soluzioni scelte, vengono illustrati con chiarezza, riprendendo da Aliro il codice necessario ad illustrarli, sfrondandolo da tutte quelle parti che oscurerebbero lo scheletro della soluzione, e che possono essere studiate in seconda battuta. Non è certamente un testo banale, ma non è mai difficile da leggere, con la dovuta attenzione. Certamente, lo si apprezzerà appieno dopo aver creato un po' di codice, ma è anche vero il contrario, ossia che aiuterà a scriverlo meglio. Il mio consiglio finale è: da leggere prima possibile; ma non se si è neofiti della programmazione in generale, di PHP in particolare. I riassunti di fine capitolo aiutano a fissare meglio le idee, e spesso introducono l'argomento dei capitoli successivi; leggendo il testo ci si renderà conto, che si torna spesso indietro al primo capitolo, per vedere come l'argomento del capitolo che si è finito di leggere si inquadra nel discorso generale.

Nel primo capitolo troveremo solo considerazioni di ordine architetturale, ma già da solo, vale tutto il prezzo di copertina. Brampton si fa leggere sempre con piacere e le sue note, divise equamente fra le funzionalità che un CMS deve offrire e la scelta di usare PHP 5, non sono mai banali, sempre ricche di riferimenti all'uso reale. Leggendole, si capisce davvero il perché determinate scelte sono state fatte per Aliro. Alcune delle scelte di Brampton, come il set ridotto di design pattern o qualche compromesso col modello relazionale puro per il database, si prestano a qualche discussione; ma di certo, una visione di ampissimo respiro traspare da questo capitolo, nel quale più di un cenno è dedicato al requisito non funzionale sul quale sono caduti molti CMS, la Sicurezza. Un'altra scelta che viene sottolineata sono i vantaggi della sintassi heredoc in tutti quei casi in cui sia necessario (o opportuno) creare codice XHTML direttamente da quello PHP.

La gestione degli utenti è l'argomento del secondo capitolo; l'Autore ci mette subito in guardia, sul fatto che essa si basa su numerosi servizi che verranno descritti in capitoli successivi. Si tratta del primo capitolo nel quale il discorso viene illustrato con numerosi esempi di codice, che coprono la procedura di login, l'amministrazione degli utenti e la generazione di password sicure. Cominciamo ad apprezzare l'estremo livello di modularità di Aliro, un CMS nel quale praticamente ogni task è delegato ad un plug-in; e vediamo all'opera anche una delle scelte architetturali del primo capitolo, l'uso di due database differenti, uno per le funzionalità core, l'altro per quelle che possono essere aggiunte da estensioni utente. La comunicazione fra i due avviene mediante uno scambio di oggetti gestiti direttamente in memoria; anche qui, è interessante seguire la soluzione illustrata per permettere un'elevata scalabilità (Brampton parla di 10.000 utenti registrati in contemporanea, un numero che è due ordini di grandezza oltre la media di Joomla.org).

Il terzo capitolo, piuttosto breve (una dozzina di pagine), fa un passo indietro, parlando dell'organizzazione del codice in Aliro. In particolare, vengono individuati i requisiti comuni al meccanismo di caricamento delle classi di un CMS: caricare il codice nel minor numero di posti possibile, onde facilitare la scrittura di codice sicuro (una prassi comunemente nota come riduzione della superficie d'attacco); evitare di dover conoscere a priori quale classe è necessario caricare in memoria; caricare il codice solo nel momento in cui è necessario usarlo; fare in modo che il meccanismo sia applicabile anche ad estensioni scritte dall'utente. La soluzione di Aliro, alquanto elegante, fa uso della funzione __autoload() di PHP 5, che viene invocata tutte le volte che PHP 5 incontra un riferimento ad una classe sconosciuta. L'implementazione proposta da Brampton è la Smart Class Mapper, che fa uso del caching per ridurre al minimo il numero di volte in cui viene eseguita una new; riduce al minimo anche gli accessi al database sfruttando il meccanismo di memorizzazione nel filesystem dei file associati alle classi; ed ha un'apposita proprietà, l'array dynamap, che tiene conto delle classi aggiunte al framework dalle estensioni utente. Un piccolo gioiello, dalla disarmante semplicità finale, che conviene studiare in ogni riga della sua implementazione.

La gestione delle sessioni è l'argomento del quarto capitolo. A differenza degli altri, che danno per assodata la conoscenza di PHP, viene dedicato ampio spazio alla gestione delle sessioni in questo linguaggio. Molto di quanto illustrato, compreso il meccanismo custom di gestione delle sessioni tramite database, rispecchia quanto descritto nella PHP Security Guide. La soluzione proposta da Brampton fa uso di due singleton, uno per gestire la sessione corrente (ottenuto tramite una factory), l'altro i dati della sessione. Il capitolo si sofferma su alcuni task, come la classica funzione Ricordami offerta da pressoché tutte le procedure di login o come individuare i client che non accettano cookie (ad es., i bot dei motori di ricerca) per prevenire inutili memorizzazioni nel database, e sorvola su molti altri di dettaglio, lasciando al Lettore lo studio del codice sorgente.

L'accesso al DBMS è l'argomento del lungo quinto capitolo. L'Autore mette subito le mani avanti, precisando che Aliro non ha nessuna pretesa di un accesso indipendente dal DBMS, anche se Aliro offre alcune funzionalità di base, quali una classe astratta per l'accesso al db, che vanno in questa direzione (è del resto la stessa scelta fatta per Joomla!). Molte delle classi vengono presentate in dettaglio, sottolineando anche dove vengono usate funzioni specifiche di MySQL; a differenza di altri CMS, Aliro sfrutta i metadati del database per facilitare la catalogazione di tabelle e campi. E' stato fatto anche qualche passo nella creazione di un ORM (Object-Relational Mapper); i data objects di Aliro sono però limitati a tabelle con un singolo campo chiave, di tipo numero AUTO INCREMENT.

Nel sesto capitolo viene affrontato il controllo degli accessi; si intuisce da subito che è una delle aree più aperte ad evoluzioni future. La discussione iniziale sui vari tipi di access control è stringata e priva di riferimenti accademici; Aliro implementa un Role-Based Access Control (RBAC) con un minimo di supporto per le gerarchie per retrocompatibilità con i ben noti ruoli di Mambo/Joomla!; è, tecnicamente parlando, un RBAC1, senza alcun costraint sui ruoli.

Brampton presenta in dettaglio le tre classi principali dell'RBAC di Aliro, ovvero quella per l'amministrazione, la cache ed il sistema di autorizzazione; si dilunga anche sulla struttura delle tabelle del database necessarie (solo due in linea di principio, anche se Aliro ne usa quattro). Viene sottolineato come, più che l'RBAC in sé, la parte implementativa difficile è un'interfaccia di amministrazione che sia flessibile, senza diventare ingestibile. Tutte le classi dell'RBAC di Aliro usano intensivamente la sessione, giacché molti dei dati sono specifici dell'utente.

Il settimo capitolo tratta in maniera generale il meccanismo di gestione dei quattro tipi di estensioni usate da Aliro, ovvero template, componenti, moduli e plugin. Molte pagine del capitolo vengono spese proprio per illustrare le differenze, e le peculiarità, di queste quattro famiglie. Non per questo si tratta di un capitolo privo di codice; anzi vengono illustrate le classi loader di componenti, moduli e plugin, rimandando i template ad un successivo capitolo. Viene anche sottolineato il versatile ruolo dei plugin, a dispetto del loro scarso peso in KB. Lì dove il capitolo rimanda al codice sorgente è invece quando parla della complessa classe che gestisce l'installazione delle estensioni, sfruttando l'estensione SimpleXML di PHP 5 tramite un consueto manifest XML descritto in dettaglio in Appendice.

L'ottavo capitolo si occupa del miglioramento delle performance tramite meccanismi di caching. L'approccio scelto da Brampton è quello di handler specializzati, creati a partire da una classe astratta base, anche se naturalmente molta dell'attenzione è per il caching dell'output XHTML. L'approccio scelto è quello del caching su disco, giacché gli esperimenti dell'Autore dimostrano che, sorprendentemente, la velocità di accesso è maggiore che ricorrendo al caching in memoria. Non mancano alcune considerazioni sulla cache in presenza di un cluster in load balancing; si tratta di un caso in cui, per preservare la vista dei dati che ha l'utente passando da un nodo del cluster all'altro, può essere conveniente ricorrere ad una cache su db. Il meccanismo di caching viene illustrato partendo dalla classe astratta che fornisce i metodi di serializzazione/deserializzazione. La parte finale del capitolo mostra la creazione di due classi che emulano i servizi forniti dal pacchetto PEAR Cache_Lite, con il vantaggio di usare solo PHP5.

Col nono capitolo l'Autore comincia ad affrontare la parte relativa ai servizi di presentazione all'utente; in particolare, viene illustrata la gestione dei menu. E' un capitolo che dedica ampio spazio alla trattazione teorica iniziale; in particolare, a come collegare le voci di menu agli URL usati dal CMS; a quali tabelle nel DBMS sono necessarie per l'architettura dei menu; ed a come gestire, creare e visualizzare all'utente i menu. Un particolare problema è quello, di quale voce di menu evidenziare quando si visita una particolare pagina. In Mambo/Joomla!, l'highlighting di un menu viene ottenuto tramite il parametro Itemid sulla querystring. Questo però crea dei problemi nel caso in cui si arrivi ad una pagina del CMS, non tramite un menu ma tramite un link interno; per tenere conto di entrambe le possibilità, Aliro usa un più complesso metodo, basato sull'uso congiunto del pattern matching della querystring e della sessione utente, che viene illustrando parlando dell'handler usato per i menu.

Venendo alla parte implementativa, viene dapprima illustrata la tabella di MySQL usata da Aliro per i menu, evidenziando anche le voci necessarie per retrocompatibilità. La gestione dei menu beneficia del lavoro svolto nel capitolo precedente col caching: l'handler dei menu eredita dalla classe cachedSingleton. Se un componente vuole usare una classe specifica per un menu, deve implementare un'interfaccia fornita dal framework, prendendo in carico esplicitamente questo task. L'architettura di Aliro incrementa la modularità nella gestione dei menu delegando all'handler il solo lavoro di recuperare i dati necessari relativi ai menu; la loro organizzazione in vista della presentazione in XHTML è compito di una seconda classe, aliroMenuCreator. Sulla base di quest'architettura, l'esempio finale di un modulo menu deve preoccuparsi solo di creare l'XHTML di visualizzazione sulla base dei dati passati dalle precedenti classi.

L'internazionalizzazione e la localizzazione sono l'argomento del decimo capitolo. Dopo una breve introduzione generale alla specifica della lingua in XHTML ed ai vantaggi dell'uso di UTF-8, l'intero capitolo è dedicato al supporto embedded in Aliro per la traduzione fra linguaggi, derivato dal progetto gettext, nell'implementazione di Carlos Souza. Si tratta di un sotto-framework sufficientemente complesso, e mai come altrove nel testo troviamo più un'illustrazione generale del meccanismo, che il commento del codice. Per quanto riguarda il supporto multilinguaggio nelle estensioni, l'obiettivo è quello di sostituire qualsiasi altro meccanismo con il citato gettext; Brampton parla diffusamente in un paragrafo di un servizio per i traduttori disponibile nell'area sviluppatori di Aliro, ma al momento di scrivere questa recensione non ne ho trovato traccia. Infine, viene chiaramente detto che le funzionalità di traduzione nei dati nel DBMS sono ancora allo stato di progetto.

L'undicesimo capitolo ha a che fare con i servizi di presentazione per l'interfaccia utente veri e propri. Si parla, naturalmente, del pattern MVC, ma Brampton pone più l'accento su altre sue idee incorporate in Aliro. Come in altre parti del testo, l'Autore ci tiene a sottolineare la sua tesi secondo la quale, essendo PHP già un ottimo linguaggio di templating XHTML, non ha molto senso puntare su altri motori di templating (Smarty, o quello che preferite). A dispetto di questa sua convinzione, Aliro contiene un framework per la gestione di template engine, derivato per la verità da un precedente lavoro del già ricordato Carlos Souza. Un'altra scelta architetturale non convenzionale di Brampton è l'aver puntato molto poco sui widget, ovvero sui controlli riusabili per la creazione di snippet HTML; il suo ragionamento non è però privo di logica: vuoi per i soliti problemi di compatibilità cross-browser, vuoi per il gran numero di contesti in cui usarlo, un widget potrebbe finire col dover avere tanti parametri di configurazione, da rendere conveniente scrivere direttamente a mano l'XHTML.

La scrittura di widget risulta conveniente per alcuni controlli della pagina, specie lato amministratore, come il classico controllo di navigazione di una lista paginata; tali controlli sono racchiusi in una classe, aliroHTML, che Brampton stesso ammette non essere la più elegante implementazione dei principi Object-Oriented al mondo: si tratta di un singleton che è una vera e propria raccolta di metodi per creare menu drop-down, checkbox, calendari e così via. E' stato fatto un grosso (ed importante) lavoro di semplificazione, invece, nella pulizia del codice XHTML, vuoi per ottenere pagine W3C-compliant, vuoi per evitare problemi di sicurezza (come gli attacchi XSS) che hanno afflitto altri CMS in passato: in Aliro è stato incorporato il framework HTML Purifier, che è possibile istanziare ed invocare con un metodo wrapper purify per poter avere un output XHTML pulito con sole due righe di codice. Infine, in questo capitolo più che altrove l'Autore dimostra la sua preferenza per la sintassi heredoc, sottolineando come, man mano che prende piede il Semantic Web e l'XHTML si semplifica perdendo i tag che servivano per il layout, ha sempre più senso creare XHMTL direttamente nelle View e talvolta (orrore!) nel Model.

Il dodicesimo capitolo è una classica miscellanea dei servizi di utilità richiesti ad un CMS: dal parsing XML (cui si appoggia la gestione della configurazione e dei parametri), alla gestione del file system, all'invio di e-mail ed agli editor WYSIWYG. E' un capitolo fatto di brevi paragrafi autoconclusivi che illustrano una, due classi al massimo; naturalmente, Brampton ha le sue preferenze, come WYMeditor fra gli editor JavaScript o lo script htmlMimeMail5 per l'invio di e-mail. Infine viene illustrata una facility per l'aggiornamento di tabelle del database, aliroDBUpdateController, relegata al lato amministrativo.

La gestione degli errori è l'argomento del breve tredicesimo capitolo. Questa, in Aliro, è chiaramente divisa in tre aree: errori PHP, errori del database ed errori nella logica dell'applicazione. Il principio base è quello, ormai fortunatamente diffuso nello sviluppo, che ogni dettaglio dell'errore va loggato, ma solo un messaggio informativo va mostrato all'utente. Alle tre aree predette corrispondono tre classi base, che organizzano ogni tipo di errore in una gerarchia (sfruttando, spesso, il meccanismo di gestione delle eccezioni di PHP5) prima di memorizzarlo nel DBMS. Per quanto non strettamente attinente, viene illustrata anche la classe aliroPage404 che gestisce l'omonimo errore HTTP.

Il quattordicesimo ed ultimo capitolo parla, in termini molto meno generalisti del resto del libro, delle estensioni per la produzione di contenuti. E' diviso molto chiaramente in due parti. Nella prima vengono illustrate molte famiglie di estensioni a tutti ben note: blog, forum, gallerie, sistemi di e-commerce, lettori RSS e così via. Le considerazioni di Brampton sono sempre interessanti ma, inutile negarselo, il pezzo forte del capitolo è la seconda parte, nella quale viene descritta in dettaglio la creazione di un componente per pubblicare item testuali. Il fatto che si tratti di un componente funzionalmente semplice nulla toglie alla sua qualità; le soluzioni proposte per il suo sviluppo sono sempre estremamente interessanti, e tutto il codice viene illustrato, glissando solo sulle classi per l'amministrazione del componente che in un CMS sono però notoriamente quelle piene di codice ripetitivo.

Gen | 2009 23

ContentMap

Visite: 6264
ContentMap
Ad ogni contenuto la giusta posizione con ContentMap.
Con questo modulo e plugin è possibile inserire in modo semplice e veloce una mappa negli articoli di Joomla ed il modulo mostra una mappa indice di tutti gli articoli.
Dic | 2008 03

Offerta hosting solo per gli utenti di Joomla.it

Visite: 5389
Offerta Joomlahost
Solo per gli utenti di Joomla.it, solo per il mese di dicembre 2008 e solo ai primi 1000. Un offerta per l'hosting Joomla a basso costo ed alta qualità. Clicca qui per maggiori informazioni
Nov | 2008 21

Invia articolo

Visite: 5691
Scrivi articolo
Scrivi un articolo su Joomla.it e ricevi i ricavi dalle pubblicità di Google Adsense!
Segui queste istruzioni, condividi e collabora con la community.
Leggi qui gli articoli inviati
Set | 2008 01

Ricevi in anteprima le notizie di Joomla.it

Visite: 5384
newsletterRimani sempre informato, ricevi automaticamente le ultime notizie direttamente via mail. Avvisi di sicurezza, nuovi aggiornamenti, eventi, tutto ciò che è importante conoscere immediatamente direttamente nella tua casella di posta.
Newsletter persone sono già iscritte, iscriviti anche tu, inserisci la tua mail in questo modulofreccetta
Mag | 2008 28

Attenzione a tradwest.com - Non fidatevi!

Visite: 14736

Molti utenti ci hanno segnalato  di essere stati vittima di raggiri da parte di un individuo che si propone con il sito tradwest.com per la gestione e l'apertura di società offshore per i fini dell'elusione fiscale con sede in paradisi fiscali. 

Questi alcuni dei nominativi utilizzati:

Pedro Fernandez
Andrey Greznev
Anna Chumak

 

Fate molta molta attenzione....

 

A seguito di queste segnalazioni degli utenti di Joomla.it ho tentato di contattare personalmente questo individuo e fingendomi interessato alle sue pseudo consulenze ho potuto verificare l'effettiva natura del suo operato. Promette l'apertura di società in paradisi fiscali e fatture da altre società presenti in paradisi fiscali.
Questo individuo è stato trovato a scrivere sul forum di Joomla.it ed altri forum in riferimento a questa vicenda, ovviamente abbiamo cancellato tutti i sui messaggi pieni di calunnie e spam, vi invito ad informarmi della presenza di altri messaggi sul nostro o su altri forum atti a screditare la mia persona e il nostro portale su Joomla.

Ultima versione di Joomla!®

downloadVer. 3.8.1 Stabile Italiana
Data di rilascio: 04 Ottobre 2017
(leggi la notizia Demo online

Le migliori estensioni gratuite

Un elenco aggiornato con i link a più di 100 estensioni fra componenti, moduli e plugin gratuiti per Joomla! 3

Manuale in italiano

Manuale in italianoPer conoscere meglio Joomla!, le sue caratteristiche ed il metodo di utilizzo leggi il manuale tradotto in italiano.

Molto utili anche le risposte alle domande più frequenti: FAQ

Sicurezza del proprio sito Joomla!Leggi anche: Nozioni sulla sicurezza del proprio sito

Autori di articoli recenti

Invia un articolo!Scrivi un articolo su Joomla.it e ricevi i ricavi dalle pubblicità di Google Adsense!
Segui queste istruzioni, condividi e collabora con la community. L'elenco degli autori attivi sul sito.

Libri consigliati

Torna su

Joomla.it sui Social Network

JoomlaDay Italia

JoomlaDay

Newsletter

Inserisci qui la tua e.mail: